Associazione Ciclabili Siciliane

Chi siamo?

L’Associazione Ciclabili Siciliane è un’associazione generica senza scopo di lucro che promuove il cicloturismo in Sicilia stringendo accordi con le Amministrazioni Pubbliche, le associazioni e le aziende del territorio per rendere più emozionante e confortevole l’esperienza del cicloturismo.

La nostra missione

Vogliamo diffondere il cicloturismo in Sicilia coinvolgendo i siciliani e le siciliane. Per noi il cicloturismo è un’opportunità di sviluppo del territorio quindi deve essere promosso dai cittadini.

Saremo contenti solo quando tutti i siciliani e tutte le siciliane potranno scegliere di lavorare sulla loro isola, quando tutti i figli e tutte le figlie di Sicilia potranno dire “io non parto perché qui ho tutto” e quando lungo le strade della nostra isola non vi saranno più rifiuti abbandonati da segnalare. Fino a quel momento ci vedrete pedalare in giro come schegge impazzite.

Tutte le risorse verranno messe in rete perché crediamo che l’unione faccia la forza e i progetti nati dal basso siano quelli che possono realmente durare nel tempo.

Il nostro progetto

Abbiamo ideato e creato la Rete Ciclabili Siciliane per rivalorizzare gli itinerari cicloturistici presenti in Sicilia e per mettere in rete e coordinare i servizi di supporto al cicloturismo.

Per individuare e risolvere le criticità dell’offerta cicloturistica in Sicilia occorre, infatti, uno sforzo comune e coordinato di tutti gli interessati: associazioni, operatori turistici, enti locali, i cittadini, gli esercenti e i cicloturisti stessi.

L’Associazione Ciclabili Siciliane supporta tutte le iniziative volte a migliorare l’offerta cicloturistica in Sicilia a lungo termine e si propone come interlocutore per tutti gli stakeholders del cicloturismo.

Vuoi sapere come siamo nati e cos’è esattamente la Rete Ciclabili Sicliane? Clicca qui per leggere il nostro articolo.

Cosa facciamo?

  • Mappiamo il territorio per i cicloturisti individuando i servizi utili per viaggiare in bici in Sicilia;
  • Forniamo informazioni generiche sulla Sicilia in bici a chi ne fa richiesta, anche in lingua straniera;
  • Dialoghiamo con gli enti pubblici e forniamo loro una consulenza specialistica per migliorare l’accoglienza cicloturistica nei loro territori;
  • organizziamo workshop e incontri sul cicloturismo come opportunità di crescita per i territori, le aziende e gli operatori turistici ma anche come attività ludica da svolgere nel tempo libero per conoscere meglio e apprezzare la propria terra con tutte le sue sfaccettature e fragilità;
  • collaboriamo con le associazioni già attive in Sicilia con le quali condividiamo gli stessi valori: lo sviluppo sostenibile ed etico del territorio e il rispetto delle persone e dell’ambiente. In particolare, siamo partner dell’Associazione Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia per la mappatura delle Vie Francigene di Sicilia per le bici e, grazie alla collaborazione con Freewheels Onlus, per gli utenti in hand-bike e carrozzelle.

Per i prossimi appuntamenti consulta la sezione Eventi.

 

Perché puntare sul cicloturismo?

Perché è un mercato in crescita che solo in Europa vale 44 miliardi di euro, dei quali 3,2 relativi al cicloturismo in Italia. Altre regioni investono molte risorse nelle infrastrutture per chi viaggia in bicicletta. La Sicilia ha le potenzialità per diventare un’importante destinazione cicloturistica: non solo è la più grande isola del Mediterraneo, è un mini-continente che offre al viaggiatore una varietà di paesaggi, una sconfinata ricchezza culturale, un patrimonio gastronomico e un capitale umano unici al mondo. La Sicilia è il cuore selvaggio d’Europa, vivo come il vulcano Etna e sicuro come le eleganti metropoli di Catania e Palermo.

I punti di forza della Sicilia sono senz’altro il clima, la fitta rete viaria e commerciale nonché la tradizione dell’accoglienza. Le tradizionali mete cicloturistiche europee sono fruibili durante pochi mesi l’anno, mentre in Sicilia si può viaggiare in bicicletta tutto l’anno. Per una regione con un turismo fortemente stagionale e localizzato come la Sicilia, il cicloturismo è un’opportunità per destagionalizzare e distribuire i flussi turistici.